11 dic 2013

Natale 2013 Panettoni dei carcerati

















Anche quest'anno il nostro blog aderisce alla Campagna per la Promozione dei prodotti della Pasticceria Giotto, realizzati dai detenuti del Carcere di Padova. Il carcere come sappiamo è il luogo della sofferenza, e nonostante le promesse fatte per migliorare la qualità della vita dei detenuti.

Il carcere deve offrire anche la speranza per tante persone che stanno espiando una pena; ma ricordiamo che molti di questi reclusi sono in attesa di giudizio ed in carcerazione preventiva, e di rientrare nella vita sociale a pieno titolo.
L'iniziativa di inclusione sociale del Carcere di Padova è un'esperienza di successo. Link dove è possibile acquistare online i dolci natalizi

05 dic 2013

La Crusca, si deve dire avvocata o avvocatessa







L'Accademia della Crusca che da 430 anni vigila sulla linguistica e filologia della lingua italiana, per tramite della sua Presidente, e noi correggiamo Presidentessa, Nicoletta Maraschio, tiene a ribadire che si dice avvocata o avvocatessa e magistrata. Link al comunicato stampa.

27 apr 2013

L'arte del Networking applicata ai biglietti da visita


Il biglietto da visita resta ancora il più utile e potente strumento di networking, in quanto è in grado di attrarre clientela e sostenere la propria professionalità mediante pochi, ma fondamentali, elementi.  E’ indispensabile, tuttavia, prestare attenzione ad alcuni aspetti, perché- e parlo con esperienza- è facile incorrere in effetti controproducenti sul ricevente e rovinare, così, occasioni di lavoro.

Proprio qualche giorno fa è mi capitato tra le mani il biglietto di un professionista, realizzato su carta pregiata, ma era stampato a caratteri davvero molto piccoli e, come se non bastasse, il carattere corsivo non facilitava la lettura. Per decrittare il numero di telefono e la mail da registrare sulla rubrica di Outlook, ho perso diversi minuti (ed è in quella circostanza che ho finalmente compreso come mai nei dintorni del Tribunale Civile di Roma ci sono sempre più bancarelle che vendono lenti d’ingrandimento).

18 apr 2013

La comunicazione legale alla prova del marketing virale

Alzi la mano chi non ha visto il videoclip Gangnam Style del rapper coreano Psy, che ha superato il miliardo di visualizzazioni su Youtube. Per la prima volta un video brandizzato, relativo alla sponsorizzazione di uno sport estremo, Red Bull Stratos, ha sorpassato i 100 milioni di clic.

Il marketing virale è, ormai, un termine d'ordine popolare, una strategia comune tra numerose imprese. Si ricorre spesso a questo genere di commercializzazione, perché la comunicazione ha una rilevante efficacia (a basso costo). Dopo tutto, non esiste azienda cui non piaccia determinare un immediato effetto calamita presso la propria clientela, spendendo poco ma guadagnando bene.
Allora, ci si chiede: possono gli studi legali beneficiare del fenomeno “marketing virale”?
Nel post "Harlem Shake nella comunicazione legale virale", abbiamo passato in rassegna alcune parodie del brano Harlem Shake, realizzate nelle sale riunioni di alcuni studi legali americani.

Il marketing virale può assumere davvero qualsiasi forma. Anche gli stessi post del blog possono essere virali. Per questo genere così specifico, vediamo alcuni esempi di video di marketing legale virale:

Negli Stati Uniti fanno discutere i video pubblicati dall'avvocato, patriota, Adam Reposa, campione di clic.





17 apr 2013

Meeting Studio Hogan Lovells - Le donne nell'economia e nella politica

In occasione dell'annuale Global Women Business Summit, che si terrà a Giugno a New York, lo studio legale "Hogan Lovells Italia" organizza due incontri sul tema: "Le donne nell'economia e nella politica. Una leadership creativa e innovativa per far fronte alle sfide". 
Uno, a Milano, il 18 Aprile e uno a Roma, il 22 aprile.
La scorsa edizione del Vertice vide, tra le partecipanti, anche Madeleine Albright, Segretario di Stato degli Stati Uniti, con presidenza di Bill Clinton.

18 aprile a Milano un business lunch organizzato da Hogan Lovells in collaborazione con la Camera di Commercio britannica in Italia e Assosvezia con interventi di Elena Alemanno, Deputy Country Manager di IKEA Italia Retails S.r.l., con un intervento su "Diversity and Inclusion in IKEA" e di Marco Rota Candiani, Milan Managing Partner di Hogan Lovells.

Il 22 aprile presso Hogan Lovells a Roma con Roberta Angelilli Vice Presidente del Parlamento Europe, Roberta Agostini Deputato e Responsabile conferenza delle donne democratiche e salute, Magda Bianco Direttore divisione Economia e Diritto della Banca d'Italia, Cristina Bertellini Vice Presidente Piccola Industria di Confindustria e Presidente Piccola Industria Mantova, Fulvia Astolfi Managing Partner di Hogan Lovells Roma. Modera: Riccardo Sabbatini Giornalista de IlSole24Ore.





12 apr 2013

Harlem Shake nella comunicazione legale virale

Harlem Share, il brano tormentone ballato in tutte le discoteche, impazza anche sui social network grazie ai numerosi video amatoriali postati su Youtube. Sembrerà strano ma il successo di Harlem Shake è nato da un video amatoriale girato in un ufficio Harlem Shake v3 (office edition) .

Adesso Harlem Share è sbarcato anche negli studi legali d'oltreoceano.  Una maniera divertente e stravagante per sdrammatizzare e fare pubblicità allo studio legale, con il logo in bella vista.

 Il 1° video è dello studio "Pittman Law" della Florida. 

20 feb 2013

15 Precetti per essere pagato per quanto vali

Prati, è il quartiere degli avvocati di Roma; da Piazza Cavour distretto umbertino dei cassazionisti, si passa al quadrilatero dei civilisti di Prati della Vittoria e con passo veloce da viale Mazzini, in pochi minuti si arriva al Palazzo di Giustizia di Piazzale Clodio, nelle cui adiacenze si concentra la maggior parte dei penalisti della capitale. Perciò, per chi, come me, vive nel quartiere Prati, di racconti di avvocati che si lamentano dei clienti che non pagano, è divenuto l’argomento principe delle chiacchiere da bar per il caffè nelle pause tra un'udienza e un'altra.
Da testimone diretto di ciò ho pensato a questo vademecum, da stampare e rileggersi per stilare un preventivo e quando si deve affrontare una trattativa economica con un cliente.


18 feb 2013

8 utili consigli per gli avvocati dal guru del legal marketing


8 utili consigli da applicare al sito web del tuo Studio Legale per convertire i visitatori in clienti. di Larry Bodine

Ancora una volta, il blog Rainmaker pubblica un post interessante. Chissà le volte che aspiranti tuoi clienti si sono imbattuti sulla homepage del tuo sito web, perciò leggi qui di seguito gli 8 modi per trasformare i visitatori in clienti attraverso il tuo sito web.

La rappresentanza femminile nell’avvocatura e nella magistratura

Rassegna Stampa: Formiche 


La rappresentanza femminile nell'avvocatura e nella magistratura
30 - 01 - 2013 - Luigi Ricci
Da Roma a Milano ricorrono iniziative atte a promuovere, per la prossima legislatura, la maggiore rappresentanza femminile ai vertici delle Istituzioni.


Roma- 50 associazioni hanno presentato, presso la Camera dei Deputati, l’agenda per la democrazia parita ria cui hanno aderito numerose candidate al Parlamento.

Milano- l’Ordine degli Avvocati ha patrocinato il convegno, coordinato dall'avvocato milanese Ileana Alesso, dal titolo “Innovazione, merito e pubblica amministrazione”, volto a testimoniare la scarsa presenza delle donne nei posti “chiave” dell’avvocatura e dei palazzi di giustizia. 


25 gen 2013

Come riconoscere i problemi reali dalle percezioni errate


In questo post intendo raccontare le criticità che noi consulenti, dobbiamo affrontare quando un cliente ci descrive la propria problematica.
A cosa mi riferisco? All'esatta consapevolezza o, se vogliamo, alla falsa percezione dei problemi, che quasi sempre, finiscono per condurre un’impresa in modo errato. Gli imprenditori che dirigono (dal loro punto di vista, in maniera impeccabile) la loro attività, si stupiscono, poi, di non raggiungere i target desiderati. Gli esperti la definiscono: “conoscenza alterata della realtà”. Cosa provoca tale “deformazione della realtà”? Al primo posto, la scarsa competenza nell'analisi degli indicatori relativi all'andamento dell’attività dello studio. Sarebbe, infatti, meglio utilizzare un software gestionale, ma è anche sufficiente un semplice foglio elettronico di Excel, per comprendere il trend dell’attività professionale. Indicatori precisi, strutturati ed aggiornati dell’andamento del business permettono di adottare decisioni appropriate; mentre, informazioni non dettagliate e non rivedute conducono il titolare dello studio a dirigersi verso la soluzione meno auspicabile.